venerdì 24 giugno 2011

Libri: 12. Non ti muovere

Non ti muovere. All'inizio, nel leggerlo, diresti "ok non mi muovo"...alla fine pensi " meno male che è finito". Non è niente di speciale questo romanzetto, ma adatto alle vacanze, anche se, se ti prende, è piuttosto angosciante. Non mi metterò certo a raccontare qualcosa della trama ora, dico solo che c'è un padre - un chirurgo - che nell'aspettare i risultati dell'operazione su sua figlia - coinvolta in un incidente - ripercorre un pò la sua vita fino a quel momento. Fin qua niente di più banale direi. E poi vabbè, ti verrebbe da prenderlo a calci quest'uomo, ma tanti calci nei coglioni che glieli spedirei in gola. Ma forse perchè io sono fondamentalmente una persona un pò cattiva quando mi mettono davanti a situazioni del genere (leggi: tradimenti e comportamenti stronzi). Si, ho finito di leggerlo solo per sapere quale sarebbe stata la fine. Ma non lo consiglio per niente. A meno che non siate appassionati della Mazzantini.

giovedì 9 giugno 2011

bibidibobidibù.




Okei questa è una foto stupida. è che ogni tanto mi va di fare la ragazzetta che si fa gli autoscatti tentando di fare la figa. e si, c'è un buon motivo per cui ho tagliato via la faccia. comunque sia, quella sullo sfondo è la mia nuova tenda, e la adoro. ye.
Un'altra piccola soddisfazione mi è venuta dall'ultimo esame dato, un 30 facile facile che però fa media e me lo tengo super stretto! insomma, tutto ciò per dire che più sono scazzata e più me ne frego, più riesco a far meglio agli esami. il 29 ne ho un'altro, e spero vivamente di farcela anche sta volta, yes. nel frattempo, penso alla tesi. nel senso che ci penso...che devo farla. ma devo anche trovare un buon argomento...ehhh.

domenica 5 giugno 2011

3 giugno 2011

venerdì mi sembra lontanissimo ora. pensarci è come un balsamo, come una crema dopo sole in agosto.




oggi va così. oggi mi sento una merda GIGANTE. Fanculo. ma anche ieri. uguale. insomma un weekend che poteva essere perfetto è finito in lacrime e autorecriminazioni. è finito con me addormentata rannicchiata sul divano con un malditesta pulsante e sensi di colpa che mi soffocavano. e oggi non è meglio. oggi è lo spettro di ieri, e le cose hanno preso forma reale e anche se mi rendo conto dei miei sbagli, dei miei comportanti egoistici che ti hanno messo - amore mio, (e non prendetemi per il culo per questo slancio melenso che vi tiro un cazzotto nei denti ) - in una situazione di merda, di dover scegliere cosa fare, e tutto perchè io non ho le palle, ho il malditesta, sono una piaga. e più va così peggio sarà. e non so come ne uscirò. e per di più non so nemmeno bene il perchè di tutto questo schifo. per meglio dire, in parte lo conosco, ma in parte no. e la parte che conosco è una cosa che con me non dovrebbe c'entrare così tanto, eppure non riesco a smettere di pensarci e di sentire questo nodo in gola e tutto il resto. vaffanculo.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...