mercoledì 11 maggio 2011

Libri : 11. La collina dei conigli

Con questo libro ho imparato a stare sottovento.
Non pensavo mi sarebbe piaciuto, avevo infatti già iniziato a leggerlo anni fa - molti anni fa cavolo! - e non mi aveva appassionata, invece ora l'ho apprezzato molto e sarei potuta andare avanti a leggerlo ancora per chissà quanto,non fosse che le pagine ad un certo punto son finite. E' davvero carino. Poi uno può leggerlo a diversi livelli. C'è la storiella dei conigli, delle loro peripezie per cercare un futuro migliore. E poi dietro c'è , forse, un pò la storia dell'umanità. Nella fuga dalla conigliera originaria di un piccolo gruppo di conigli, inseguiti per un pezzo dalle guardie dell' Ausla (che è più o meno un'aristocrazia) ci vedo la fuga degli ebrei dall'Egitto. Nel loro piccolo i conigli affrontano molti pericoli, animali per loro nemici, un fiume da attraversare (che potrebbe rappresentare il mare biblico?), e infine un'altro gruppo di conigli che si mostrano loro nemici e...mica vi vado a dire come finisce! Non saprei comunque quale sia l'interpretazione corretta, o se ce ne sia una. Non conosco Adams, il suo pensiero, gli altri suoi romanzi. Penso che questo sia il suo più famoso. E sono curiosa di leggerne un'altro, in particolare "I burogatti"!

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...