sabato 21 maggio 2011

a caso.





 

Olympus OM-1 / Lomography negative film 100 asa. fine aprile/inizio maggio.

sabato 14 maggio 2011

4 anni


Pentax optio i10 white e tazza con gli animali del bosco. Io non sono una che ci tiene per forza ad avere dei regali come dimostrazione d'affetto, lui un pò di più invece, e così in questi anni mi ha proprio viziata. quella macchinetta ha un design adorabile, e la qualità non è da meno. stasera magari avrò occasione di testarla più a fondo, intanto amo le sue panoramiche e l'impostazione  colori "toy camera" (ovviamente!). Non potevo non scrivere niente di ieri....tardo pomeriggio in passeggiata sul sentiero Rilke e poi cena a Barcola con passeggiata sul lungomare e poi vista della città da Monte Grisa con un vento gelido.. e poi nanna...

mercoledì 11 maggio 2011

Libri : 11. La collina dei conigli

Con questo libro ho imparato a stare sottovento.
Non pensavo mi sarebbe piaciuto, avevo infatti già iniziato a leggerlo anni fa - molti anni fa cavolo! - e non mi aveva appassionata, invece ora l'ho apprezzato molto e sarei potuta andare avanti a leggerlo ancora per chissà quanto,non fosse che le pagine ad un certo punto son finite. E' davvero carino. Poi uno può leggerlo a diversi livelli. C'è la storiella dei conigli, delle loro peripezie per cercare un futuro migliore. E poi dietro c'è , forse, un pò la storia dell'umanità. Nella fuga dalla conigliera originaria di un piccolo gruppo di conigli, inseguiti per un pezzo dalle guardie dell' Ausla (che è più o meno un'aristocrazia) ci vedo la fuga degli ebrei dall'Egitto. Nel loro piccolo i conigli affrontano molti pericoli, animali per loro nemici, un fiume da attraversare (che potrebbe rappresentare il mare biblico?), e infine un'altro gruppo di conigli che si mostrano loro nemici e...mica vi vado a dire come finisce! Non saprei comunque quale sia l'interpretazione corretta, o se ce ne sia una. Non conosco Adams, il suo pensiero, gli altri suoi romanzi. Penso che questo sia il suo più famoso. E sono curiosa di leggerne un'altro, in particolare "I burogatti"!

lunedì 9 maggio 2011

Libri: 10. Ninna Nanna

E' vero, il suo Fight Club è sopravvalutato, perchè una volta che leggi gli altri romanzi di Palahniuk, esso svanisce,davanti a canti di morte o a vite imprigionate in stanze buie e istinti cannibali, o....
 Leggendolo prima di dormire, questo racconto dal nome dolce e dal contenuto aspro, acido, logorante, mi ha provocato - o per lo meno ha aiutato a provocare-  3 terribili sogni inquientanti, pieni di assurde situazioni che ho già parzialmente dimenticato. Devo scrivermeli prima di scordarmi del tutto di quel che un libro - in questo caso- riesce a fare su di me. La potenza della parola. e non è mica uno scherzo!! Ed effettivamente la storia di "ninna nanna" veicola proprio il concetto di potere della parola e del pensiero. un'antico canto di morte, un canto dolce e malinconico in apparenza, che dentro di sè invece nasconde un potere immenso, il potere di uccidere nel sonno la persona che lo ascolta - ma non quella che la legge - un pò come avere una vera e propria spada o pistola in mano. E' così che muoiono tanti bambini in culla, uccisi da madri il cui unico intento era quello di addormentare il loro pargoletto, e invece...ovviamente la parte "palahniukiana" del racconto non ve la svelo, sennò sarebbe come guardare un trailer al cinema, che dopo che l'hai visto, la maggior parte delle volte ti dici "ok, non serve neanche che vada a guardarlo tanto le scene clou le hanno tutte usate qui!". No, a me piacciono quei trailer che sembrano senza senso, scene che sembrano scollegate fra di loro, quelli si che ti invogliano a guardare un film!!! Idem per le recensioni di libri . Odio descrivere/leggere la trama ; mi piace di più avere un'impressione del contenuto, un imput che ispiri. Per questo la maggior parte delle volte che compro  un libro mi affido a titolo e copertina. Il più delle volte ci azzecco!! Beh,ora ho deviato un pò troppo. Mandi!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...